#TOMMASOCOTTI

#CANDIDIAMOTOMMASO: sicurezza e nuove opportunità per la crescita

12715493_967799973294864_1260367789566117229_n

Di seguito il testo integrale dell’intervista pubblicata da “Il resto del Carlino”

Perché ha deciso di candidarsi?

Ho sempre dedicato la mia vita, con passione, a Persiceto: città in cui sono nato e cresciuto. Sono persicetano da generazioni, profondamente legato alla mia terra, di cui mi sono preso cura in questi anni attraverso l’impegno nell’amministrazione del Comune e nella politica locale.

La sua netta affermazione come candidato sindaco è il segnale di un PD unito?

La mia candidatura non è piovuta dall’alto ma è stato il frutto di ampie consultazioni dentro e fuori il Pd. La condivisione unitaria dello stesso progetto politico per la Persiceto del 2021 ci ha fatto decidere di non fare le primarie, strumento altrimenti utilissimo se sono presenti visioni programmatiche differenti.

È stato vicesindaco e assessore, che bilancio fa di questa esperienza?

Ho amministrato in anni molto difficili a causa di molti fattori: i tagli agli enti locali, anche quelli virtuosi come il nostro, la crisi economica, il terremoto. Nonostante tutto siamo riusciti a resistere e ad incrementare i servizi ai cittadini. Ora dobbiamo investire sul futuro di Persiceto, che dovrà avere un ruolo centrale all’interno della Citta Metropolitana e dell’Unione dei Comuni di Terre d’Acqua.

Introdurrà degli elementi di cambiamento rispetto al passato?

Per me conta tantissimo il rapporto diretto con le persone e l’ascolto quotidiano dei problemi e delle proposte che provengono da cittadini, imprese ed associazioni. Altra cosa fondamentale è la squadra di giunta che sarà formata sia da persone con esperienza ma anche da componenti giovani e competenti.

Da cosa partirebbe oggi il suo programma elettorale?

Esistono problemi importanti e urgenti, penso all’emergenza furti nel territorio da Decima alle Budrie, che affronterei con il potenziamento dell’organico della polizia municipale, l’aumento della videosorveglianza, e come novità la creazione di reti di cittadini per il presidio attivo del territorio attraverso gruppi di vicinato e l’uso della tecnologia sms in stretto collegamento con le forze dell’ordine ed il Comune. Ma vorrei concentrarmi anche sulle nuove opportunità per la crescita e la valorizzazione della nostra comunità. Persiceto è al centro di un triangolo che ha Modena e Ferrara come vertici, con una ricca offerta di servizi ed una fitta rete di eccellenze che vanno dall’enogastronomia al turismo ambientale; possiamo contare inoltre sull’impegno quotidiano di tante associazioni di volontariato e su appuntamenti storici e unici come il carnevale. Questi sono solo alcuni spunti da cui partire per la redazione di un ampio e dettagliato programma, la cui elaborazione sarà quanto più partecipata e condivisa possibile.